Passa ai contenuti principali

...STESSA SPIAGGIA, STESSO MARE... di Mariangela Pede, Cellino San Marco, (BR)


Lendinuso ha sempre rappresentato il mio rifugio, il mio posto ideale dove avrei
vissuto non due, ma dodici mesi l’anno. Ho trascorso qui tutta la mia adolescenza e
parte della mia giovinezza; ha segnato tappe importanti della mia vita, mi ha vista
protagonista di parecchi episodi. Poi, però, la vita ti conduce in vicoli stretti, senza
via di fuga, dove non puoi tornare indietro, ma sei costretto a seguire una determinata
rotta, che non ti saresti mai aspettato di seguire. Quante emozioni su questa spiaggia,
ricordi stampati sulla pelle. Profumo di mare e di momenti indelebili.
- Nonna, nonna...
Michele mi tirava per il braccio e mi conduceva dove sua madre stava piantando
l’ombrellone. Per alcuni istanti mi ero soffermata  a guardare il mare, a respirare
quella salsedine che mi mancava e chissà cosa avrei fatto pur di respirarla negli anni
passati.
- Nonna, perché ti sei fermata? La sabbia scotta già… ;) Dai su togliti i vestiti
come ho fatto io e andiamo a farci il bagno. Dai dai… ;)
Il suo sorriso mi faceva impazzire, mi metteva un’allegria che difficilmente si può
spiegare a parole. E, solo per un attimo, ho dimenticato tutto e mi son tolta i vestiti, in
procinto di prendere il bel caldo sole di inizio luglio. Da un paio di anni a questa
parte è sempre così: ogni volta che metto piede su  questa bellissima e semplice
spiaggia, vengo avvolta dai ricordi, e, improvvisamente, un sorriso si colora sul mio
viso.
- Michele, lo sai che la nonna non può farsi sempre il bagno. Tu vai in acqua, ti
aspetterò qui, così quando tornerai giocheremo un po’, ok?
- Ok, va bene nonna. Mamma vado a farmi il bagno, vieni subito!
- Si vai pure Michele, ma non allontanarti dalla riva. Ora arrivo.
Francesca, mia nuora, una donna unica, una donna tale e quale a me; mi amava da
impazzire, sapeva capire quando stavo mentendo e quando no, quando c’era qualcosa
che non andava. Ed infatti subito dopo aver risposto a suo figlio, volgendosi a me
soggiunse:
- Mamma, che ti prende? Ti vedo cupa… a cosa pensi?
- Mah… niente di che… alla mia giovinezza… sai che ho trascorso qui alcuni
anni della mia vita…- Si lo so… vado a fare il bagno con Michele, appena torno mi racconti. ;)
E con un sorriso si dirigeva verso l’acqua; sapeva benissimo che al suo ritorno io non
avrei più parlato della mia vita, né tantomeno di ciò che stava riaffiorando nella mia
mente. Sdraiandomi sull’asciugamano steso pocanzi sulla sabbia, iniziai a prendere
un po’ di sole.
Il richiamo di Michele unito ad una spruzzata di acqua sul mio corpo, mi hanno
svegliata. Non che stessi dormendo, ma quel sole caldo e quel frastuono di gente, mi
avevano messo una tranquillità tale che stavo per prender sonno. Ovviamente non
potevo sottrarmi alla promessa fatta prima al bambino; e così, mentre lui iniziava a
scavare un pozzo, suo fratello minore, Davide, iniziava a costruire, tutt’intorno al
pozzo, delle belle mura di un castello. Il castello non c’era, vi era solo un pozzo, ma
la fantasia dei bambini supera ogni barriera, perché, nelle loro menti, il castello era
rappresentato da loro due, dalla loro madre e da me.
Francesca prendeva il sole, mentre io ed i bambini  giocavamo sulla sabbia. Ad un
certo punto si avvicina incuriosito un bambino, ad  occhio e croce aveva l’età di
Michele. Io lo invito ad aiutarci a costruire le mura del castello, ma nel momento in
cui lo sto invitando  ad aiutarci, si avvicina la madre e lo porta via, rimproverandolo
per essersi allontanato senza il suo consenso. Resto ammutolita, ma è pur sempre una
madre, giustamente, preoccupata. Ripensando al bambino, mi tornano in mente i suoi
occhi, e tutto il suo viso. Era molto familiare. Poco dopo il bambino ritorna, questa
volta accompagnato dal nonno. Ed è quando vedo il nonno che capisco tutto, ed
istintivamente esclamo:
- Michele!
Ed in men che non si dica, tre uomini mi guardano:  mio nipote, il bambino
sconosciuto e quell’anziano signore. Io inizio a ridere divertita, quell’Arcangelo ci
stava unendo nuovamente, come aveva fatto tanti e tanti anni prima su quella
spiaggia. Lui non stava capendo nulla, era un uomo, e gli uomini si sa, neppure se
una cosa gli viene spiegata la capiscono! Figuriamoci non spiegata… La mia
intuizione si era rivelata fondata e giusta. Ci avevo azzeccato alla grande, e me la
ridevo divertita. I bambini tornano a giocare, fanno amicizia e si divertono con poco.
Lui invece inizia a fissarmi, ed io distolgo il suo sguardo guardando il mare. Ridendo
e giocando, i miei nipoti e quel bambino col quale  hanno subito fatto amicizia, si
spostano sul bagnasciuga per inventarsi una nuova storia, per fantasticare e per
abbronzarsi, a loro insaputa. Lui, così, si avvicina incuriosito a me. Ma prima di
iniziare a parlare, continua a studiarmi. Col piede gioca sulla sabbia, poi guarda i
bambini, poi si rigira verso di me. Io, divertita,  continuavo a guardare il mare,
guardavo anch’io i bambini, e ricordavo quell’estati trascorse a rincorrerlo con lo
sguardo, a capire la sua vita piena sempre di donne, ad ammirarlo, a soffrire perché
ero l’unica donna in quella spiaggia che lui non vedeva e non guardava.
Ad un certo punto, attacca bottone brutalmente, facendomi sussultare:
- Ti ricordi di me?
Stupida domanda, quasi scontata di un uomo. Se non mi fossi ricordata di te, ti avrei
chiamato per nome? Ma ricordiamoci che è pur sempre un uomo, e, non sapendo che
dire, (perché anche lui iniziava a ricordare tutto), ha detto la prima cosa banale che gli
è venuta in mente.
- Si, certo che mi ricordo di te! Come potrei non farlo, hai segnato la mia vita, le
mie estati…
Lui scoppia in una fragorosa risata. Ovviamente non vi era nulla da ridere, ma non
sapendo che dire, rise. In realtà, la sua risata era giustificata, e per capirlo dobbiamo
fare un salto indietro, e ritornare a quella famosa estate dove tutto ebbe inizio.
Ferragosto. Ore 12 circa. Il sole picchiava assai.  Si stava benissimo in acqua, in
spiaggia l’aria era irrespirabile. In acqua, però, c’erano centinaia di persone, donne,
uomini, bambini che giocavano, ragazzi che facevano tuffi, ragazze che giocavano
con la palla. Non si riusciva a stare tranquilli da nessuna parte. Ma, in fondo, era il 15
agosto, il picco dell’estate, uno degli ultimi giorni per parecchia gente, quindi, come
si dice dalle mie parti “oggi oggi, tanto poi domani tutti lavoreranno”. In questo gran
caos, mentre ero con due mie amiche in acqua, ad un certo punto sento qualcosa sulle
gambe: pensando fosse un pesce, istintivamente mi metto a galla e sollevo le gambe
dal fondale marino. Ma, perdendo l’equilibrio, bevo e d’istinto, riappoggio le gambe
a  terra. Tossendo un po’ per l’acqua bevuta, mi ritrovo accanto un ragazzo che mi
dice:
- Tutto bene? Non volevo farti spaventare. Scusami tanto. Stavo facendo una
gara di nuovo con un mio amico.
Un po’ arrabbiata gli rispondo:
- Ma ti sembra la giornata adatta per fare una gara di nuoto? Non vedi quanta
gente c’è?
- Si si, scusami ancora…
E va via. Io e le mie amiche scoppiamo a ridere per l’accaduto, ed inizio a non
perderlo di vista. Lo osservo, lo ammiro. Era bellissimo. Moro, mediterraneo,
carnagione scura, occhi verde scuro, uno sguardo che faceva impazzire, ed un sorriso
che illuminava anche la più triste giornata. Caspita, rivoglio uno spavento peggio del
precedente! Ma non ci fu.
I giorni trascorrevano ed io continuavo ad ammirarlo. Era fidanzato, o almeno così mi
sembrava. Aveva, comunque, una ragazza che gli girava attorno. Lui non mi notava
mai. Quasi fossi trasparente. Quell’estate terminò  così, col ricordo dei suoi occhi e
del suo sorriso.
Le successive estati trascorsero come da copione, sin quando, una notte di San
Lorenzo, sempre sulla solita spiaggia, avvenne che i suoi occhi incrociarono i miei e
fu lì che scattò la scintilla: lui prese ad avvicinarsi a me e a non mollarmi più. In
quell’estate non esisteva più nessuna ragazza per lui, ma vi ero solo io, finalmente.
Una frequentazione durata pochi mesi, ma molto intensa, di quelle che ti segnano per
l’eternità, quelle che vorresti rivivere sempre, quelle che non ti lasciano né ferite e né
cicatrici una volta che finiscono, ma ti stampano un sorriso in faccia ogni volta che
pensi a lui. Né una lacrima né un rimpianto e/o rimorso, ma tanta allegria per il
traguardo raggiunto: far innamorare, anche solo per poco tempo, il ragazzo per il
quale ti batteva forte il cuore ogni volta che veniva, anche per sbaglio, pronunciato il
suo nome.
Non sapevo, però, che, in quei mesi in cui sognavo ad occhi aperti, lui era fidanzato,
sempre con la tipa dell’estate in cui lo conobbi.
- Vedo che i nostri nipoti hanno gli stessi nomi: il mio ha preso da me, ed il tuo?
- Il mio ha preso dal mio consuocero, il padre di mia nuora, scomparso
prematuramente…
- Capisco… comunque, se ti interessa, insomma se ti fa piacere…
- Dimmi…
- Sono vedovo da anni… :D
Risata di entrambi. Come si sa, il lupo cambia il pelo, ma non il vizio! Ed un dolce
sguardo ci avvolse risvegliando dolci emozioni mai tramontate.

Commenti

Post popolari in questo blog

Autocostruzione di una barca a vela

L'insano pensiero di costruire una barca a vela attraversa spesso la mente di ogni velista.

Poi si fanno due conti, ci si guarda intorno specie nel mercato dell'usato, si chiede qualche consiglio e finalmente questo pensiero passa, almeno per un pò.
Giuseppe invece, sta percorrendo la strada più dura, l'autocostruzione di un cabinato di 8,50 metri.
Seguiremo la sua avventura pubblicando periodicamente le foto e il racconto dell'avanzamento lavori.
Auguri Peppe e speriamo di veder presto realizzato il tuo sogno.







Nifta Maiu: da Leuca a Kos

Alla fine l’ho fatto!

Nel luglio 2006 sono partito da Leuca con la mia barchetta e, percorrendo a ritroso la rotta che gli antichi naviganti Greci battevano per raggiungere le nostre coste, sono giunto fino all’isola di Kos, patria di Ippocrate, situata proprio di fronte alla citta turca di Bodrum, l’antica Alicarnasso.
Era da un po’ di anni che ci pensavo: rimettere insieme il collage delle mie innumerevoli incursioni greche per costruire un’esperienza organica non solo dal punto di vista della navigazione a vela, ma anche sotto il profilo culturale e spirituale.
Inizialmente avevo programmato di compiere questa avventura non appena fossi andato in pensione e in questi pannicelli caldi mi ero cullato per un paio d’anni senza concludere nulla di concreto.
Poi una mattina di febbraio di un anno fa, uscendo dalla doccia avvolto nell’accappatoio, mi sono piazzato di fronte alla grande carta nautica inglese n°1439, quella che rappresenta il mediterraneo dalla Sicilia alle Cicladi e che fa b…

LA VOCE DELLA SIRENA di Angela Maria Amico, Caltanissetta

Sotto l'albero d'olivo nodoso e storto all'angolo della casa del custode della tonnara, in una
notte di luna piena, Nicola e sua moglie trovarono un fagotto, e nel fagotto una neonata con gli
occhi aperti. Non chiudeva gli occhi, e non piangeva; guardava il custode e sua moglie con
un'espressione adulta e seria, quasi volesse studiare visi e mosse, prima di giudicare. I suoi capelli
chiari erano ricci, come acconciati col ferro caldo, ed erano anch'essi adulti, rigogliosi. La portarono
dentro casa, e la bimba accettò con serena condiscendenza il calore e gli indumenti asciutti che la
moglie del custode le offriva. Donna Marastella, a sua volta, accolse senza sorpresa né stupore quel
ritrovamento; piuttosto si sentiva al contempo sollevata e grata al cielo per quella maternità che era
arrivata di notte, dopo anni di grembo sterile e di lacrime ingoiate insieme ai rimedi casalinghi e alle
preghiere a Sant'Antonino, lui che libera il mare dai pesci cattivi e che …

Othonoi 28/12- 30/12

Chissà perchè, quando gli altri sono davanti al camino in pantofole a scaldarsi, a noi viene l'idea di trascorrere un paio di giorni su un' isola greca. La più vicina si, ma 48 miglia in una notte di dicembre possono comunque portarti a chiederti perchè lo fai.
Strani questi marinai per hobby, "strano modo di divertirsi" dice la giovane mamma che vede il marito imbarcarsi. Strano vedere altre due persone (coppia), che di vela, lei ne aveva solo sentito parlare, lui aveva avuto qualche non felice esperienza in deriva. Beh, per loro non è stato semplice, chiedetelo alla barca ( ELISSA IV)... era in pena per loro e li coccolava nonostante tutti gli sversamenti di materiale organico dentro e fuori. Moribondi dopo appena 10 miglia. Mare e vento non avevano tenuto conto dei due impavidi che si erano imbarcati.
Alle otto arriviamo, diamo àncora, si pensa di scendere col tender. OK, la pompa? A Leuca, via di bocca, a turni. In barca ci si adatta. La barca tira fuori la napolet…

RADICI di Mariagrazia Nemour, Borgiallo (TO)

Gli schizzi sono freddi. E il freddo a volte brucia.
Il mare è denso e muove la coda di continuo. Un animale sempre all’erta.
Questo, è il mare più bello in assoluto. Almeno tra quelli che ho visto io.
Quando il mare ti entra nel cuore, allaga tutto; mettiti tranquillo perché avrai i piedi bagnati per tutta
la vita. Così, diceva mio padre.
La costa di Lampedusa è bianca, occhieggia da lontano. La roccia sa dove aprire la braccia e farti
attraccare.
Non sembra poi tanto lontana la mattina in cui partii.
C’erano gli stessi schizzi freddi di mare.
Fu l’alba in cui conobbi la paura e le feci spazio sotto la giacca rattoppata con lo spago. Ancora me
la porto dentro, insieme al mare.
Lasciai mia figlia abbracciata a una bambola di stoffa. Addormentate, entrambe.
E lasciai mia moglie; piangeva lacrime secche sotto le palpebre tremanti, chiuse a forza. Non riuscii
a salutarla. Me ne andai di notte.
Solo mio padre mi accompagnò al molo. Lo sento ancora il suo abbraccio sulle spalle. Forse se …

Traversata Atlantico in auto

Erano anni ormai che raccontando di questa impresa agli amici, mi ritrovavo ad essere scrutato con sospetto.
All'epoca di questa atipica traversata vivevo in Liguria, terra dei protagonisti del viaggio, per cui potevo leggere gli articoli del Secolo XIX, inoltre ad impresa conclusa l'auto in questione è stata ormeggiata, per un pò, nel porto di Lerici ed ho potuto fotografarla. Ora ho finalmente trovato questo pezzo e mi rendo conto ancora una volta, rileggendolo, di quanto forti possono essere gli uomini spinti dalla passione.
Gabriele




"In mare avevamo paura della profondità, ma il mondo che ci eravamo creati era il nostro mondo, e dovevamo affrontare soltanto i nostri giudizi. Ora dobbiamo rimetterci a confronto, tutti i giorni, con le aspettative degli altri. E a prima vista, a parte la felicità di rivedere le nostre famiglie, il mondo di terra non è poi un granchè."

Il 4 maggio 1999 quattro navigatori salpano dalle Isole Canarie con l’obiettivo di raggiungere l’Am…

LA GRANDE ONDA di Vittorio Malingri

Cari Amici il 18 giugno uscirà in libreria il mio nuovo libro "La Grande Onda". In questo libro racconto dell'avventura del record Atlantico dello scorso anno e di tante altre avventure che, nel corso degli anni, ho avuto il privilegio di vivere in mare. Dovrebbe essere un buon libro, specialmente per chi ha la passione per la vela, l'avventura e i grandi viaggi. L'intento è quello di fare una fotografia del mio mondo, della vita di uno, che come me, ha dedicato tanto tempo e passione ad inseguire i sogni di navigazioni sempre diverse e più impegnative. Spero che vi piacerà, che permetta di farvi un idea più precisa di quello che è oggi la vela oceanica, di riscoprire i valori che spesso abbiamo perso nella nostra società ma che sono sempre uguali e presenti per chi vive immerso nella natura e alla ricerca di una dimensione di vita più umana e semplice. Io al momento sono a casa nel mio agriturismo vicino a Gubbio, da quando sono sceso dal mio piccolo catamarano in G…

Imbarco gratis ai Caraibi

Da Francesco Rizzi dai Caraibi:

Buongiorno carissimi. C'é la possibilità di navigare qualche giorno ( circa una settimana ) gratis in Brasile.
Un carissimo amico, Marco Volpe, che é bravissimo velista ed istruttore di vela da una vita, cerca qualcuno per trasferire la sua barca da Fortaleza a Salvador.
Qui sotto trascrivo la sua mail. Se qualcuno ha tempo e voglia, sarebbe una bellissima esperienza di vela e di navigazione.
Chi fosse interessato può contattare direttamente Marco all'indirizzo mpgvolpe@gmail.com oppure scrivere a me.Uncaro saluto a tutti e, ovviamente, Buon Vento.

Franco PICCININI
347 8062956
mailto:8062956fpicci@hotmail.com


Sono bloccato qui a Fortaleza da circa un mese, senza più equipaggio.
Qui il marina è bello ma il costo è un po' troppo elevato e non riesco nè a navigare nè ad andarmene nella direzione che vorrei, cioè verso Natal che è a sud-est perchè sono ben 250 miglia controvento e controcorrente senza nè ridossi nè affidabili punti di fermata intermedi…

Albania... orso al guinzaglio

Sabato 27 agosto 2011
Othoni - Saranda, 15 nodi di libeccio gonfiano lo spi, 25 miglia in poco più di quattro ore, con Giulio e Luigi.
C'ero già stato in Albania: Durazzo, Valona, Saseno, Porto Palermo. A Saranda due anni fa, con Lucia, Stefano, Vittoria e i bambini.
Quella volta, l'impressione di essere tornati indietro nel tempo ci aveva colto subito dopo aver lasciato il pontile della moderna stazione marittima, dove la barca era ormeggiata.
Un tempo però, che noi non avevamo mai vissuto, per fortuna. Racconti dei padri, forse.
Non molto è cambiato dopo due anni. Forse è cambiato quello che doveva rimanere intatto, il paesaggio.
Gli alberghi rubano la bellissima scogliera. Costruiti uno sull'altro, dieci aperti e cento in costruzione. Un enorme cantiere.
Muoversi il più possibile, conoscere persone e abitudini, capire. E' il modo migliore per vivere.
Albania da visitare, comunque.
Mi ha sconvolto però vedere, sul passeggiatissimo lungomare, più della bambina rom di …