Passa ai contenuti principali

ONDE SELVAGGE di Mariateresa La Porta, Venafro (IS)


“Onde selvagge”
Vi era scritto sulla prima pagina di una carta opaca e rinsecchita dal tempo.
Le pagine scorrevano sulle mie dita come onde leggere e rapide.
Il cielo terso splendeva in tutto il suo bagliore, solo due gabbiani come punti bianchi
avevano preso il volo lungo la scogliera ruvida e rovente.
La finestra della mia camera d’albergo affacciava sul mare.
Quando tornavamo dalle lunghe giornate trascorse in spiaggia, la mia stanza diventava il mio rifugio e lì non esisteva più nessuno.
Io e Amaranta eravamo gli unici ad accorgerci di quanto fossero belle le vacanze,
c’alzavamo presto e guardavamo i primi raggi dell’alba immergersi nell’acqua più azzurra e pulita che avessimo mai visto prima.
Le palme di un verde intenso brillavano ad ogni fruscio di vento.
La strada ghiaiosa comunicava con l’unico lido dell’isola.
Quando il sole raggiungeva il picco nascondevamo i piedi sotto la sabbia, in profondità, come a cercare il punto più umido e ci coprivamo la testa con bandane colorate.
Amaranta mi osservava con i suoi grandi occhi verdi, faceva cenno di no con la testa quando si arrabbiava e il viso si oscurava se cercavo di convincerla ad andare in acqua. Aveva la paura del mare quando da bambina si ritrovò risucchiata improvvisamente da onde gigantesche.
Jack veniva ad aiutarci ogniqualvolta ne avevamo bisogno.
Il marinaio dell’isola, è così che tutti lo chiamavano, portava lunghi capelli neri che gli scendevano sulle spalle e aveva il viso di chi ha affrontato numerose battaglie.
Era nato per fare il marinaio, suo padre faceva il marinaio il nonno era marinaio, il nonno del bisnonno era marinaio, e lui si sentiva di appartenere più all’oceano che alla terra ferma.
Jack conosceva tutta la storia del posto, il numero degli abitanti, il numero delle barche che ogni giorno partiva da Baia Bianca avventurandosi in mare aperto e controllava il loro ritorno.
Jack conosceva perfino i voli dei gabbiani, li seguiva nel loro percorso fino a quando non li vedeva scomparire all’orizzonte.
Ci divertivamo molto io e Amaranta.  Passavamo le nostre giornate immersi in un’oasi di pace e tranquillità.
Ogni tanto partivo per qualche ora, remavo sulla mia barca e lì sentivo recuperare poco a poco le energie.
Questo accadeva ogni anno, a fine stagione, quando i turisti ripartivano in città.
Baia Bianca si sfollava nuovamente fino a diventare meta per surfisti e uomini di mezza età.
Chiusi il libro. Quelle foto in bianco e nero e la carta squamosa, mi avevano riportato nel passato.
Questa volta tornavo sulla tavola da surf, l’aria era fresca e il giorno sopra di me moriva lentamente nel punto più lontano. Fu allora che mi accorsi di quanto fosse bello condividere paure, angosce, sensazioni intense con ciò che ti circonda.
Mi ero sentito libero, vivo, come se il respiro di vita dipendesse dall’ultima onda che ti sorregge in equilibrio.  Avevo dimenticato per un attimo il lungo tunnel che stava scavando dentro di me, come una piccola talpa si stava facendo strada tra radici, rami secchi, prati dove non sarebbero mai più nati fiori. La talpa stava per arrivare sempre più in profondità, sarebbero passati anni, ma inevitabilmente avrebbe raggiunto il mio cuore.
Le onde mi avvolgevano come una coperta di cashmere, Amaranta mi osservava a pochi metri dalla riva con il cuore in gola, ed io mi chiedevo se avesse superato mai la paura dell’acqua e se fosse riuscita un giorno a provare tutte queste emozioni.
Il timore più grande non era, che io non sarei stato qui a vederla, perché qualunque angolo dell’universo mi fosse stato concesso io le avrei dato coraggio e forza per affrontare qualunque battaglia.
La mia paura più grande era che non avrebbe superato le sue paure.
Quando mi rintanavo nella mia stanza, come un lupo stanco e affaticato la sentivo piangere.
Lei  si mostrava forte, mi dava gioia con i suoi sorrisi, mi preparava il caffè, si preoccupava quando andavo in barca a vela, eppure celava un senso d’angoscia. Amaranta mi nascondeva le sue lacrime, le affogava nel cuscino, tra quei sogni che probabilmente non sarebbe mai riuscita a realizzare. Quanto avrei voluto aprire quella porta, stringerla fra le mie braccia e dirle che non l’avrei mai abbandonata, ma non ce la facevo, mi sentivo debole.
Lontano dalle onde del mare, chiuso nella mia stanza, io ritornavo me stesso.
Nonostante il  cielo azzurro e l’aria asciutta, la mia malattia non mi permetteva  ogni giorno di godere di quel paradiso. Restavo addormentato per ore durante il giorno, solo qualche insetto veniva a disturbare ogni tanto il mio riposo.
Quella sera di colpo i dolori alle ossa si placarono. Fissavo dalla finestra il punto più lontano, dove neanche i gabbiani riuscivano ad arrivare. Pensai alla prima volta che incontrai Amaranta.
Fin da bambino andavo in villeggiatura in un posto di montagna, mi dicevano che l’aria  in quei posti faceva bene e andava respirata a pieni polmoni. I miei genitori soprattutto ne facevano una scorta, dovevano pur sopravvivere allo smog della città. Non ero un ragazzino viziato, ma alle escursioni nei boschi in cerca di funghi o  castagne preferivo andare a pesca con il nonno o in barca a vela.
Fu un’estate di tanti anni fa, che vidi per la prima volta Amaranta, anzi fu lei a notare me, per poco non le finivo addosso con la mia minimoto. Mi fu subito antipatica con il suo accento americano e l’aria di chi “so tutto io”.
Quel giorno non avevo la più pallida idea che di lì a poco me ne sarei innamorato perdutamente e che lei sarebbe diventata la mia unica ragione di vita.
Come opposti che si attraggono, io sentivo d’appartenere al mare..
Amaranta alla terra, ai prati colorati, ai boschi colmi di frutti, agli alberi secolari o alle viti colme d’uva.
Io invece mi  sentivo d’essere vissuto in un’altra vita in cui probabilmente ero un delfino o un cavalluccio marino e nuotavo felice sulla barriera corallina.
Come potevano amarsi due anime tanto diverse e come potevano rincorrersi  inseguendo sogni e passioni lontane.
Un amore vero non pretende nulla, non chiede, dona tutto se stesso
senza aspettarsi niente.
Un amore nato dall’unione tra terra e mare.
Cieli di gabbiani e rondini che s’uniscono in sintonia.
Io e la mia tavola da surf.
Amaranta e la sua bici sul prato.
Chiusi di nuovo il libro. Una fitta al petto mi aveva lasciato senza respiro per qualche secondo. Mi asciugai le lacrime.
La stanza era poco illuminata, l’uomo accanto a me  respirava attraverso un tubicino, aveva gli occhi rivolti verso il cielo, fissava un punto bianco, uno qualunque.
Jack venne a trovarmi quel giorno e il giorno successivo e tutti i giorni, veniva a portarmi conforto, ci regalò un’ancora d’argento che apparteneva al bisnonno.
L’aveva ereditata poco prima che morisse naufrago su qualche isola. Era un’ancora speciale. Ogni goccia di mare, ogni luccichio d’onde, ogni giro di boa, ogni medaglia ottenuta era merito di quel portafortuna minuscolo, ma tanto prezioso.
“Lo lascio a te, perché ne avrai bisogno quando remerai verso il tuo angolo di paradiso, verso quel cielo che ti vedrà un marinaio fiero e un surfista felice”.
L’ultima pagina del diario.
La vita è come un’onda selvaggia che ti trascina in un vortice di emozioni.
Sentirò a lungo tutta la forza del mare, farò tutti miei i segreti dell’oceano e mi cullerò tra i sospiri d’onde.
L’ultimo giorno stava per morire all’orizzonte. La fine dell’estate, la fine di tutto.. che segnerà l’inizio di un’altra stagione e di una nuova vita.









Commenti

Post popolari in questo blog

Autocostruzione di una barca a vela

L'insano pensiero di costruire una barca a vela attraversa spesso la mente di ogni velista.

Poi si fanno due conti, ci si guarda intorno specie nel mercato dell'usato, si chiede qualche consiglio e finalmente questo pensiero passa, almeno per un pò.
Giuseppe invece, sta percorrendo la strada più dura, l'autocostruzione di un cabinato di 8,50 metri.
Seguiremo la sua avventura pubblicando periodicamente le foto e il racconto dell'avanzamento lavori.
Auguri Peppe e speriamo di veder presto realizzato il tuo sogno.







Nifta Maiu: da Leuca a Kos

Alla fine l’ho fatto!

Nel luglio 2006 sono partito da Leuca con la mia barchetta e, percorrendo a ritroso la rotta che gli antichi naviganti Greci battevano per raggiungere le nostre coste, sono giunto fino all’isola di Kos, patria di Ippocrate, situata proprio di fronte alla citta turca di Bodrum, l’antica Alicarnasso.
Era da un po’ di anni che ci pensavo: rimettere insieme il collage delle mie innumerevoli incursioni greche per costruire un’esperienza organica non solo dal punto di vista della navigazione a vela, ma anche sotto il profilo culturale e spirituale.
Inizialmente avevo programmato di compiere questa avventura non appena fossi andato in pensione e in questi pannicelli caldi mi ero cullato per un paio d’anni senza concludere nulla di concreto.
Poi una mattina di febbraio di un anno fa, uscendo dalla doccia avvolto nell’accappatoio, mi sono piazzato di fronte alla grande carta nautica inglese n°1439, quella che rappresenta il mediterraneo dalla Sicilia alle Cicladi e che fa b…

LA VOCE DELLA SIRENA di Angela Maria Amico, Caltanissetta

Sotto l'albero d'olivo nodoso e storto all'angolo della casa del custode della tonnara, in una
notte di luna piena, Nicola e sua moglie trovarono un fagotto, e nel fagotto una neonata con gli
occhi aperti. Non chiudeva gli occhi, e non piangeva; guardava il custode e sua moglie con
un'espressione adulta e seria, quasi volesse studiare visi e mosse, prima di giudicare. I suoi capelli
chiari erano ricci, come acconciati col ferro caldo, ed erano anch'essi adulti, rigogliosi. La portarono
dentro casa, e la bimba accettò con serena condiscendenza il calore e gli indumenti asciutti che la
moglie del custode le offriva. Donna Marastella, a sua volta, accolse senza sorpresa né stupore quel
ritrovamento; piuttosto si sentiva al contempo sollevata e grata al cielo per quella maternità che era
arrivata di notte, dopo anni di grembo sterile e di lacrime ingoiate insieme ai rimedi casalinghi e alle
preghiere a Sant'Antonino, lui che libera il mare dai pesci cattivi e che …

RADICI di Mariagrazia Nemour, Borgiallo (TO)

Gli schizzi sono freddi. E il freddo a volte brucia.
Il mare è denso e muove la coda di continuo. Un animale sempre all’erta.
Questo, è il mare più bello in assoluto. Almeno tra quelli che ho visto io.
Quando il mare ti entra nel cuore, allaga tutto; mettiti tranquillo perché avrai i piedi bagnati per tutta
la vita. Così, diceva mio padre.
La costa di Lampedusa è bianca, occhieggia da lontano. La roccia sa dove aprire la braccia e farti
attraccare.
Non sembra poi tanto lontana la mattina in cui partii.
C’erano gli stessi schizzi freddi di mare.
Fu l’alba in cui conobbi la paura e le feci spazio sotto la giacca rattoppata con lo spago. Ancora me
la porto dentro, insieme al mare.
Lasciai mia figlia abbracciata a una bambola di stoffa. Addormentate, entrambe.
E lasciai mia moglie; piangeva lacrime secche sotto le palpebre tremanti, chiuse a forza. Non riuscii
a salutarla. Me ne andai di notte.
Solo mio padre mi accompagnò al molo. Lo sento ancora il suo abbraccio sulle spalle. Forse se …

Othonoi 28/12- 30/12

Chissà perchè, quando gli altri sono davanti al camino in pantofole a scaldarsi, a noi viene l'idea di trascorrere un paio di giorni su un' isola greca. La più vicina si, ma 48 miglia in una notte di dicembre possono comunque portarti a chiederti perchè lo fai.
Strani questi marinai per hobby, "strano modo di divertirsi" dice la giovane mamma che vede il marito imbarcarsi. Strano vedere altre due persone (coppia), che di vela, lei ne aveva solo sentito parlare, lui aveva avuto qualche non felice esperienza in deriva. Beh, per loro non è stato semplice, chiedetelo alla barca ( ELISSA IV)... era in pena per loro e li coccolava nonostante tutti gli sversamenti di materiale organico dentro e fuori. Moribondi dopo appena 10 miglia. Mare e vento non avevano tenuto conto dei due impavidi che si erano imbarcati.
Alle otto arriviamo, diamo àncora, si pensa di scendere col tender. OK, la pompa? A Leuca, via di bocca, a turni. In barca ci si adatta. La barca tira fuori la napolet…

Traversata Atlantico in auto

Erano anni ormai che raccontando di questa impresa agli amici, mi ritrovavo ad essere scrutato con sospetto.
All'epoca di questa atipica traversata vivevo in Liguria, terra dei protagonisti del viaggio, per cui potevo leggere gli articoli del Secolo XIX, inoltre ad impresa conclusa l'auto in questione è stata ormeggiata, per un pò, nel porto di Lerici ed ho potuto fotografarla. Ora ho finalmente trovato questo pezzo e mi rendo conto ancora una volta, rileggendolo, di quanto forti possono essere gli uomini spinti dalla passione.
Gabriele




"In mare avevamo paura della profondità, ma il mondo che ci eravamo creati era il nostro mondo, e dovevamo affrontare soltanto i nostri giudizi. Ora dobbiamo rimetterci a confronto, tutti i giorni, con le aspettative degli altri. E a prima vista, a parte la felicità di rivedere le nostre famiglie, il mondo di terra non è poi un granchè."

Il 4 maggio 1999 quattro navigatori salpano dalle Isole Canarie con l’obiettivo di raggiungere l’Am…

LA GRANDE ONDA di Vittorio Malingri

Cari Amici il 18 giugno uscirà in libreria il mio nuovo libro "La Grande Onda". In questo libro racconto dell'avventura del record Atlantico dello scorso anno e di tante altre avventure che, nel corso degli anni, ho avuto il privilegio di vivere in mare. Dovrebbe essere un buon libro, specialmente per chi ha la passione per la vela, l'avventura e i grandi viaggi. L'intento è quello di fare una fotografia del mio mondo, della vita di uno, che come me, ha dedicato tanto tempo e passione ad inseguire i sogni di navigazioni sempre diverse e più impegnative. Spero che vi piacerà, che permetta di farvi un idea più precisa di quello che è oggi la vela oceanica, di riscoprire i valori che spesso abbiamo perso nella nostra società ma che sono sempre uguali e presenti per chi vive immerso nella natura e alla ricerca di una dimensione di vita più umana e semplice. Io al momento sono a casa nel mio agriturismo vicino a Gubbio, da quando sono sceso dal mio piccolo catamarano in G…

Imbarco gratis ai Caraibi

Da Francesco Rizzi dai Caraibi:

Buongiorno carissimi. C'é la possibilità di navigare qualche giorno ( circa una settimana ) gratis in Brasile.
Un carissimo amico, Marco Volpe, che é bravissimo velista ed istruttore di vela da una vita, cerca qualcuno per trasferire la sua barca da Fortaleza a Salvador.
Qui sotto trascrivo la sua mail. Se qualcuno ha tempo e voglia, sarebbe una bellissima esperienza di vela e di navigazione.
Chi fosse interessato può contattare direttamente Marco all'indirizzo mpgvolpe@gmail.com oppure scrivere a me.Uncaro saluto a tutti e, ovviamente, Buon Vento.

Franco PICCININI
347 8062956
mailto:8062956fpicci@hotmail.com


Sono bloccato qui a Fortaleza da circa un mese, senza più equipaggio.
Qui il marina è bello ma il costo è un po' troppo elevato e non riesco nè a navigare nè ad andarmene nella direzione che vorrei, cioè verso Natal che è a sud-est perchè sono ben 250 miglia controvento e controcorrente senza nè ridossi nè affidabili punti di fermata intermedi…

Albania... orso al guinzaglio

Sabato 27 agosto 2011
Othoni - Saranda, 15 nodi di libeccio gonfiano lo spi, 25 miglia in poco più di quattro ore, con Giulio e Luigi.
C'ero già stato in Albania: Durazzo, Valona, Saseno, Porto Palermo. A Saranda due anni fa, con Lucia, Stefano, Vittoria e i bambini.
Quella volta, l'impressione di essere tornati indietro nel tempo ci aveva colto subito dopo aver lasciato il pontile della moderna stazione marittima, dove la barca era ormeggiata.
Un tempo però, che noi non avevamo mai vissuto, per fortuna. Racconti dei padri, forse.
Non molto è cambiato dopo due anni. Forse è cambiato quello che doveva rimanere intatto, il paesaggio.
Gli alberghi rubano la bellissima scogliera. Costruiti uno sull'altro, dieci aperti e cento in costruzione. Un enorme cantiere.
Muoversi il più possibile, conoscere persone e abitudini, capire. E' il modo migliore per vivere.
Albania da visitare, comunque.
Mi ha sconvolto però vedere, sul passeggiatissimo lungomare, più della bambina rom di …