Passa ai contenuti principali

L’ANIMA ERRANTE di Valentina Mattia, Cuneo


"Ti racconto il mare..." mi ripeteva sempre il nonno lungo il porto di Civitavecchia che, per 
molti secoli, aveva rappresentato il fulcro degli scambi e dei contatti tra i popoli dell’antico “Mare
Nostrum” e che ancora oggi si configurava come punto nodale del moderno traffico passeggeri e
merci a livello europeo e internazionale. A distanza, adesso, di circa cinque anni qualcosa era
cambiato. Intendiamoci il porto era rimasto quello di sempre, trampolino di lancio e foriero di lauti
guadagni. La mia vita e quella del nonno, invece, era cambiata. Il nonno non c’era più. Ed io…
Immobilizzata in un letto d’ospedale, con un respiratore artificiale che manteneva inalterate le gravi
condizioni della mia salute, quelle parole pronunciate cinque anni fa dal mio adorato nonno
sembravano insistentemente entrare nel vortice inaccessibile della mente ancorata nel più profondo
abisso del coma.   Di quello stato che non era né vita né morte, ma un riassunto di essi, uno
specchio di ciò che ero e che sarei stata in futuro. Un improvviso lampo di memoria mi folgorò la
mente nell’arco di pochi secondi facendo sussultare il corpo inerme e il groviglio di tubi legati al
respiratore artificiale che emise una serie di roboanti e ravvicinati bip-bip. D’un tratto mi sentii
leggera. Quella scossa interiore aveva destato la mia anima dal torpore quasi mortale cui versava
facendola animare al punto tale da staccarsi per un po’ da quel corpo che, per ora, non dava segni di
ripresa. E fu così che iniziai di nuovo a vivere. Incominciai a percorrere distanze inimmaginabili e
buie del mio essere con una leggerezza mai conosciuta prima, fino a giungere in prossimità di un
tunnel che irradiava una luce meravigliosa.
Arrivai, con bramosia, a quell’inaspettata meta che mise davanti ai miei occhi, illuminati dal
bagliore, un paesaggio familiare, rassicurante.  Il mare, oceano infinito di ricordi e spumeggianti
schizzi di vita. La vastità di quel mare dalle mille sfumature riluceva di piccoli bagliori scintillanti
che colpivano lo sguardo già accecato dai potenti raggi del sole d’Agosto. Mi sembrava di volare
insieme alla brezza marina che generalmente interessava le zone costiere creando dei piccoli moti
ondosi che andavano ad urtare contro la riva risucchiando piccoli granelli di sabbia o grandi
ammassi di pensieri. Era una specie di altalena che muoveva l’acqua dall’alto verso il basso, i
pensieri dalla mente al cuore. Io mi divertivo, cullata da quel soave movimento. Da lontano notai
una sagoma piuttosto familiare sospesa tra il cielo e il mare che avanzava con i piedi nudi e piagati
verso di me, incontro all’unica persona che avesse amato come il suo primo amore: il mare. Era il
nonno. Il suo sorriso smagliante pareva quello di sempre. Sembrava che per lui il tempo non fosse
passato mai. Forse lo era anche per me. Anzi, era senz’altro così. La mia anima e cioè quell’essere
incorporeo e cosciente di sé era rimasta ancorata ai ricordi dell’infanzia, a quella spensierata età
vissuta con il nonno allora settantenne. Ora guardandolo più da vicino, notai che teneva in una
mano la rete da pesca e nell’altra due cappelli per riparare l’inaspettato miraggio d’umanità dal
solleone estivo. Feci anch’io un bel sorriso e, tacitamente, ci incamminammo verso il peschereccio
un tempo chiamato Mareluna50 e ribattezzato simpaticamente Rebbica per via delle due iniziali che
componevano i nomi di Rebecca e Carmelo, rispettivamente io e il nonno.
Nonostante l’aspetto semplice e malandato quel peschereccio mi piaceva. Era dotato di radar, di
ecoscandagli necessari per misurare la profondità dei fondali, e di piccole stive refrigerate per la
conservazione del pescato. Il nonno accese i motori e così iniziò il nostro viaggio. O meglio iniziò
la proiezione di quello che sarebbe stato il nostro ultimo e doloroso incontro.
Il vento era cessato e le onde si erano frantumate  definitivamente in quell’immenso specchio
d’acqua salata. Il tempo passò così velocemente che ci ritrovammo a guardare il tramonto
spettacolare che solo in quel periodo dell’anno regalava una luce così rutilante e appagante.
Abbracciati l’uno all’altra, rimanemmo così per un  tempo indefinibile. Probabilmente in quella
dimensione pura il tempo non esisteva neanche. Solo l’alternarsi della luce e del buio scandiva il
nostro tempo. Solo la bellezza di quel mare, primordiale e immenso, dettava le ore del silenzio e
quelle caratterizzate dal suono degli elementi di Madre Terra, vera panacea del corpo e dello spirito.
I numerosi banchi di acciughe, attratti dalla luce  delle lampare, si erano dirette verso l’alto
radunandosi nella parte di mare che li avrebbe consegnati direttamente nelle reti della pesca e in un
rendimento sicuro. Stavolta avrebbero avuto un destino migliore. Avrebbero fluttuato, indisturbate,
nelle acque profonde di quel mare generoso visto che gli unici pescatori presenti non erano lì per
pescare pesci ma attimi fugaci di tutta una vita passata in mare. All’orizzonte non si vedeva, infatti,
nessun altro peschereccio. Solo il cielo era il narratore del film muto che si stava svolgendo davanti
ai nostri occhi. Quegli scorci di vite umane stavano andando alla deriva.
In quella direzione, infatti, la corrente era diventata più forte, forse a causa delle differenti
temperature cui erano costituite le masse d’acqua e delle variazioni di salinità, e si stava
trasformando in una vera e propria autostrada sottomarina d’acqua in movimento. Il peschereccio,
così, aveva cominciato a vacillare insieme ai sentimenti che galleggiavano su di esso. Qualcosa era
andato storto. Il nonno aveva fatto forza sul timone per cambiare direzione ma a nulla era valso quel
tentativo poiché l’imbarcazione era entrata nel forte vortice di un gorgo che avrebbe sicuramente
risucchiato l’unico grammo d’umanità presente, intrecciata e fragile nello stesso tempo. Da quel
momento in poi il nostro ultimo incontro rimase visibile a rallentatore. Il nonno, preoccupato e in
balìa di una forza più grande della sua, aveva cercato di lanciarmi una corda che prontamente mi ero
cinta in vita. Poi il buio aveva inghiottito ogni cosa, persino le nostre vite, inabissando i ricordi che
albergavano in esse. Così avevo visto per l’ultima volta quell’uomo così premuroso e gentile che
proprio a quel mare che aveva tanto amato, era stato restituito. Egli stesso era divenuto un
vagabondo di mare simile  a quelle creature che, trasportate dalle correnti e dalle onde, non
sarebbero state più in grado di muoversi autonomamente. I titoli di coda di quel film scorrevano a
fianco delle immagini riguardanti le scene, scartate per un errore degli attori. Forse solo adesso
avremmo vinto il Premio Nobel come migliori protagonisti. Adesso che l’anima del nonno aveva
fatto ritorno a quell’ultimo e cruciale istante restituendomi quell’addio allora negato dalla tempesta
di acqua, vento ed emozioni annacquate. La vita era stata alitata sul mio spirito temporaneamente
errante.  Fu così che tutto il buio attorno a me diventò misteriosamente luce. Quel surreale paesaggio svanì
lentamente divenendo simile alla bruma di un sogno. E, chissà, probabilmente anch’io ero stata
parte di esso. Ad un tratto vidi un bagliore così forte che quasi mi rese cieca. Poi la luce si
assottigliò diventando più naturale. Avevo aperto gli occhi…
Al mio capezzale notai i visi crucciati dei miei genitori aprirsi di colpo in un grande sorriso di
sollievo. Mi guardai intorno. Il respiratore artificiale era andato in tilt. Il mio petto, adesso, aveva
ripreso a muoversi ritmicamente da solo. L’alta marea aveva restituito la mia anima a quel corpo
tremebondo e sofferente. Io, naufraga in mezzo ai ricordi dell’infanzia, ero riemersa in terra ferma.
Toccai con mano quella sottile linea che avrebbe aperto nuovi orizzonti nella mia vita. Ma
soprattutto tenni stretta quell’anima speciale che  avrebbe sempre alitato sulla mia coscienza le
preziose parole "Ti racconto il mare...";  



Commenti

  1. Ciao sono Eva, ho letto il tuo racconto e devo dire che mi ha commosso,perchè oltre al mare hai introdotto una persona "il nonno" che non ho piu' purtroppo, comunque è un bel racconto che mi ha preso molto, brava anzi bravissima, complimenti ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Autocostruzione di una barca a vela

L'insano pensiero di costruire una barca a vela attraversa spesso la mente di ogni velista.

Poi si fanno due conti, ci si guarda intorno specie nel mercato dell'usato, si chiede qualche consiglio e finalmente questo pensiero passa, almeno per un pò.
Giuseppe invece, sta percorrendo la strada più dura, l'autocostruzione di un cabinato di 8,50 metri.
Seguiremo la sua avventura pubblicando periodicamente le foto e il racconto dell'avanzamento lavori.
Auguri Peppe e speriamo di veder presto realizzato il tuo sogno.







Nifta Maiu: da Leuca a Kos

Alla fine l’ho fatto!

Nel luglio 2006 sono partito da Leuca con la mia barchetta e, percorrendo a ritroso la rotta che gli antichi naviganti Greci battevano per raggiungere le nostre coste, sono giunto fino all’isola di Kos, patria di Ippocrate, situata proprio di fronte alla citta turca di Bodrum, l’antica Alicarnasso.
Era da un po’ di anni che ci pensavo: rimettere insieme il collage delle mie innumerevoli incursioni greche per costruire un’esperienza organica non solo dal punto di vista della navigazione a vela, ma anche sotto il profilo culturale e spirituale.
Inizialmente avevo programmato di compiere questa avventura non appena fossi andato in pensione e in questi pannicelli caldi mi ero cullato per un paio d’anni senza concludere nulla di concreto.
Poi una mattina di febbraio di un anno fa, uscendo dalla doccia avvolto nell’accappatoio, mi sono piazzato di fronte alla grande carta nautica inglese n°1439, quella che rappresenta il mediterraneo dalla Sicilia alle Cicladi e che fa b…

LA VOCE DELLA SIRENA di Angela Maria Amico, Caltanissetta

Sotto l'albero d'olivo nodoso e storto all'angolo della casa del custode della tonnara, in una
notte di luna piena, Nicola e sua moglie trovarono un fagotto, e nel fagotto una neonata con gli
occhi aperti. Non chiudeva gli occhi, e non piangeva; guardava il custode e sua moglie con
un'espressione adulta e seria, quasi volesse studiare visi e mosse, prima di giudicare. I suoi capelli
chiari erano ricci, come acconciati col ferro caldo, ed erano anch'essi adulti, rigogliosi. La portarono
dentro casa, e la bimba accettò con serena condiscendenza il calore e gli indumenti asciutti che la
moglie del custode le offriva. Donna Marastella, a sua volta, accolse senza sorpresa né stupore quel
ritrovamento; piuttosto si sentiva al contempo sollevata e grata al cielo per quella maternità che era
arrivata di notte, dopo anni di grembo sterile e di lacrime ingoiate insieme ai rimedi casalinghi e alle
preghiere a Sant'Antonino, lui che libera il mare dai pesci cattivi e che …

RADICI di Mariagrazia Nemour, Borgiallo (TO)

Gli schizzi sono freddi. E il freddo a volte brucia.
Il mare è denso e muove la coda di continuo. Un animale sempre all’erta.
Questo, è il mare più bello in assoluto. Almeno tra quelli che ho visto io.
Quando il mare ti entra nel cuore, allaga tutto; mettiti tranquillo perché avrai i piedi bagnati per tutta
la vita. Così, diceva mio padre.
La costa di Lampedusa è bianca, occhieggia da lontano. La roccia sa dove aprire la braccia e farti
attraccare.
Non sembra poi tanto lontana la mattina in cui partii.
C’erano gli stessi schizzi freddi di mare.
Fu l’alba in cui conobbi la paura e le feci spazio sotto la giacca rattoppata con lo spago. Ancora me
la porto dentro, insieme al mare.
Lasciai mia figlia abbracciata a una bambola di stoffa. Addormentate, entrambe.
E lasciai mia moglie; piangeva lacrime secche sotto le palpebre tremanti, chiuse a forza. Non riuscii
a salutarla. Me ne andai di notte.
Solo mio padre mi accompagnò al molo. Lo sento ancora il suo abbraccio sulle spalle. Forse se …

Othonoi 28/12- 30/12

Chissà perchè, quando gli altri sono davanti al camino in pantofole a scaldarsi, a noi viene l'idea di trascorrere un paio di giorni su un' isola greca. La più vicina si, ma 48 miglia in una notte di dicembre possono comunque portarti a chiederti perchè lo fai.
Strani questi marinai per hobby, "strano modo di divertirsi" dice la giovane mamma che vede il marito imbarcarsi. Strano vedere altre due persone (coppia), che di vela, lei ne aveva solo sentito parlare, lui aveva avuto qualche non felice esperienza in deriva. Beh, per loro non è stato semplice, chiedetelo alla barca ( ELISSA IV)... era in pena per loro e li coccolava nonostante tutti gli sversamenti di materiale organico dentro e fuori. Moribondi dopo appena 10 miglia. Mare e vento non avevano tenuto conto dei due impavidi che si erano imbarcati.
Alle otto arriviamo, diamo àncora, si pensa di scendere col tender. OK, la pompa? A Leuca, via di bocca, a turni. In barca ci si adatta. La barca tira fuori la napolet…

Traversata Atlantico in auto

Erano anni ormai che raccontando di questa impresa agli amici, mi ritrovavo ad essere scrutato con sospetto.
All'epoca di questa atipica traversata vivevo in Liguria, terra dei protagonisti del viaggio, per cui potevo leggere gli articoli del Secolo XIX, inoltre ad impresa conclusa l'auto in questione è stata ormeggiata, per un pò, nel porto di Lerici ed ho potuto fotografarla. Ora ho finalmente trovato questo pezzo e mi rendo conto ancora una volta, rileggendolo, di quanto forti possono essere gli uomini spinti dalla passione.
Gabriele




"In mare avevamo paura della profondità, ma il mondo che ci eravamo creati era il nostro mondo, e dovevamo affrontare soltanto i nostri giudizi. Ora dobbiamo rimetterci a confronto, tutti i giorni, con le aspettative degli altri. E a prima vista, a parte la felicità di rivedere le nostre famiglie, il mondo di terra non è poi un granchè."

Il 4 maggio 1999 quattro navigatori salpano dalle Isole Canarie con l’obiettivo di raggiungere l’Am…

LA GRANDE ONDA di Vittorio Malingri

Cari Amici il 18 giugno uscirà in libreria il mio nuovo libro "La Grande Onda". In questo libro racconto dell'avventura del record Atlantico dello scorso anno e di tante altre avventure che, nel corso degli anni, ho avuto il privilegio di vivere in mare. Dovrebbe essere un buon libro, specialmente per chi ha la passione per la vela, l'avventura e i grandi viaggi. L'intento è quello di fare una fotografia del mio mondo, della vita di uno, che come me, ha dedicato tanto tempo e passione ad inseguire i sogni di navigazioni sempre diverse e più impegnative. Spero che vi piacerà, che permetta di farvi un idea più precisa di quello che è oggi la vela oceanica, di riscoprire i valori che spesso abbiamo perso nella nostra società ma che sono sempre uguali e presenti per chi vive immerso nella natura e alla ricerca di una dimensione di vita più umana e semplice. Io al momento sono a casa nel mio agriturismo vicino a Gubbio, da quando sono sceso dal mio piccolo catamarano in G…

Imbarco gratis ai Caraibi

Da Francesco Rizzi dai Caraibi:

Buongiorno carissimi. C'é la possibilità di navigare qualche giorno ( circa una settimana ) gratis in Brasile.
Un carissimo amico, Marco Volpe, che é bravissimo velista ed istruttore di vela da una vita, cerca qualcuno per trasferire la sua barca da Fortaleza a Salvador.
Qui sotto trascrivo la sua mail. Se qualcuno ha tempo e voglia, sarebbe una bellissima esperienza di vela e di navigazione.
Chi fosse interessato può contattare direttamente Marco all'indirizzo mpgvolpe@gmail.com oppure scrivere a me.Uncaro saluto a tutti e, ovviamente, Buon Vento.

Franco PICCININI
347 8062956
mailto:8062956fpicci@hotmail.com


Sono bloccato qui a Fortaleza da circa un mese, senza più equipaggio.
Qui il marina è bello ma il costo è un po' troppo elevato e non riesco nè a navigare nè ad andarmene nella direzione che vorrei, cioè verso Natal che è a sud-est perchè sono ben 250 miglia controvento e controcorrente senza nè ridossi nè affidabili punti di fermata intermedi…

Albania... orso al guinzaglio

Sabato 27 agosto 2011
Othoni - Saranda, 15 nodi di libeccio gonfiano lo spi, 25 miglia in poco più di quattro ore, con Giulio e Luigi.
C'ero già stato in Albania: Durazzo, Valona, Saseno, Porto Palermo. A Saranda due anni fa, con Lucia, Stefano, Vittoria e i bambini.
Quella volta, l'impressione di essere tornati indietro nel tempo ci aveva colto subito dopo aver lasciato il pontile della moderna stazione marittima, dove la barca era ormeggiata.
Un tempo però, che noi non avevamo mai vissuto, per fortuna. Racconti dei padri, forse.
Non molto è cambiato dopo due anni. Forse è cambiato quello che doveva rimanere intatto, il paesaggio.
Gli alberghi rubano la bellissima scogliera. Costruiti uno sull'altro, dieci aperti e cento in costruzione. Un enorme cantiere.
Muoversi il più possibile, conoscere persone e abitudini, capire. E' il modo migliore per vivere.
Albania da visitare, comunque.
Mi ha sconvolto però vedere, sul passeggiatissimo lungomare, più della bambina rom di …