Passa ai contenuti principali

AL DI LA' DELL'ORIZZONTE di Gloria Venturini, Lendinara (RO)


“Ed ecco ce ne andiamo come siamo venuti…
… mi porto un po’ del tuo sale azzurro
un po’ della tua infinità
e un pochino della tua luce
e della tua infelicità…
… ce ne andiamo come siamo venuti”

NAZIM HIKMET




Era un giorno settembrino al calar della sera, l’aria ancora tiepida.
Mi trovavo seduta sopra un grosso ramo arenato sulla spiaggia, con lo sguardo agganciato al tramonto, sospeso tra il cielo e l’oceano, pronto a raccogliere briciole d’infinito per delimitare almeno un poco il mio incerto orizzonte.
Ascoltavo in silenzio il mormorio del mare, la voce delle onde che ricamava la battigia. I miei pensieri solitari s’impigliavano nel volo dei gabbiani per portare l’ombra dei ricordi lontano dalla mente, per disperdere il dolore delle memorie.
Il buio cominciava ad avvolgere ogni cosa col suo manto nero.
La luce del faro accendeva un punto nell’oscurità.
Una giornata difficile quella di oggi, proprio come quella di ieri.
Mi sentivo un tutt’uno con l’acqua, insicura e instabile, arrabbiata e persa in una bufera che non riuscivo a superare.
La mia vita era sprofondata in un abisso senza luce, si era incagliata nel profondo, nei fondali, dove nessuno sarebbe mai riuscito ad arrivare.
Eppure desideravo la bonaccia per sconfiggere i temporali che oscuravano la mia vita.
Avevo lottato con tutte le mie forze, ma come nella tormenta, non ero riuscita a domare la furia dei marosi, a trasformare il pianto in canto.
Come una barca, l’intera essenza della mia persona cavalcava l’orlo del destino, anche quando i boati violenti dei tuoni accecavano il cielo, come un  eterno moto d’onda ero sbattuta dall’ira del vento.
La tormenta non si placava, non c’era presagio di quiete.
Era un giorno che si svolgeva al tramonto, mi sentivo inevitabilmente vecchia, le rughe sul mio viso, piccole e fitte ragnatele sottili, indurivano la mia espressione, le mie ossa stanche e malandate cigolavano, proprio come quando manca l’olio ai perni della porta, a quel passaggio d’anima che avevo chiuso, intriso dall’odore delle mie amarezze.
Quanto passato e quante notti mi sono persa nel deserto delle solitudini ad ascoltare il bisbiglio delle onde, dolce come una nenia, eppure inesorabilmente ostinato e spietato come la fuga del tempo.
La marea avanzava lentamente consumando la vita, corrodendo lo spirito un anno dopo l’altro, svuotando l’anima proprio come resta la spiaggia dopo una mareggiata, un groviglio di rancori e litigi accesi dal fuoco della rabbia e inceneriti dai rimpianti.
Ero travolta dal tunnel cieco della disperazione, schiacciata dalla depressione, andavo sempre più giù, trascinata dalla corrente implacabile del dolore.
Quante volte ho chiesto conforto ai barbiturici per affrontare una notte indenne da sonni irrequieti di desolazione e di abbandono.
Non sono mai riuscita a difendermi dal suo sguardo di ghiaccio, dall’intensità di quegli occhi grigio mare, quando impassibile mi ha lasciato.
Mi aveva dato il mondo, era l’unico uomo che avevo amato e così, senza un apparente motivo, una sera di maggio, se ne andò.
Volevo invecchiare con lui, perché gli avevo dato la mia giovinezza, avevo deposto le mie speranze e i mie sogni nello scrigno dei suoi sentimenti.
Avevo amato il ricamo dei suoi capelli d’argento e ogni volta che lo vedevo, mi batteva forte il cuore, proprio come al primo appuntamento.
Lo amavo senza limiti, come il litorale quando si confonde con il cielo, come un accordo appassionato tra la luce del giorno e i colori del tramonto.
La sua espressione di marmo, simile a un’imperterrita scogliera che vuole arenare l’impeto del mare, non era riuscita a frenare la costante tempesta che ancora mi squarciava il cuore.
Prigioni di silenzi mi annientavano. Le parole non dette, i perché senza alcuna risposta. Dove avevo sbagliato, cosa c’era in me che non andava?
Ero rimasta sola, completamente sola.
Stanca come una domanda che aspetta ancora una risposta.
Guardavo l’enorme distesa d’acqua e m’immergevo in essa, mi sentivo senza contorno, eppure, non riuscivo a liberarmi dalla catena del mio amore fallito, perso dentro a chissà quale aspettativa che non sono riuscita a concretizzare.
Lungo la riva facevo lunghe camminate con la speranza di vedere il suo viso, un sorriso, ma come l’onda cancellava le mie impronte sulla riva, i giorni sbiadivano i ricordi. Il dolore, quello no, era una spina costante che si conficcava sempre più nel cuore.
Avrei voluto rimpicciolirmi e sparire, magari dentro a una conchiglia e farmi cullare dall’infinita dolcezza dei flutti.
Ero una piccola e minuta donna che svaniva nel deserto di una spiaggia smisurata come la sua sofferenza.
Gli occhi erano rigati da un pianto senza rimedio, un niente davanti, un domani fatto di nulla.
Nessun conforto, solo la pace dei sensi con i sonniferi mi accarezzava, così oscillavo come un relitto abbandonato sulla superficie di un mondo che non riusciva a vedermi e dal quale mi ero, consapevolmente, allontana.
            Si può morire per amore?
            Può un amore essere più di tutto, più di tutti ?
            Amare così, senza sogni, con le ali spezzate dall’assenza assoluta di una  minima speranza?
            Mi mancava la sua essenza, il suo corpo che credevo fosse mio, invece, era solo apparenza.
Forse che anche lui mi aveva amato ?
E poi, così, d’improvviso era passato, un sentimento che viene come un’influenza e poi se ne va.
            Ma per me, non era così, lui era diventato un’ossessione che non riuscivo a far tacere, un susseguirsi di ricordi sbiaditi.
La mia mente era continuamente torturata dal pensiero di quello che avrei potuto fare invece di quello che avevo fatto, ero tormentata da una serie illimitata di errori che mi facevano sentire una persona sbagliata,  un essere senza senso e insignificante, e per tale motivo nessuno era riusciuto a volermi bene veramente, con profondità, sino a sfiorare le intimità più recondite del mio essere.
            Avrei voluto librarmi in un soffio di vento, essere leggera come la brezza marina, senza peso nè confini, una parte d’azzurro.
            Per oltre un anno avevo cercato una luce, anche se fragile, per difendermi dal buio tenebroso della notte.
            Invece nelle mie vene scorreva un uragano d’angoscia.
            Nemmeno la casa al lido della nonna si poteva definire oramai una dimora. Tutt’intorno non c’era alcun senso nella disposizione delle cose, disordine ovunque, il letto disfatto sempre.
            Confusione negli anfratti della mia interiorità, scompiglio nel profondo, sconvolgimeneto nella mia testa. Il dolore trabboccava da ogni poro della pelle. Oramai il mio volto impallidiva sempre più, due cerchi lividi mi nascondevano gli occhi, ero dimagrita a tal punto che le mie ossa sporgevano, non parlavo più, ero l’ombra di me stessa.
            Inutilmente avevo invocato il suo nome, disperatamente lo avevo cercato, ma lui non c’era...  Non c’era più.           
            Era una sera di settembre, stavo sulla battigia, ero vestita a festa, come la prima volta che lui mi aveva dichiarato il suo amore.
            La luna cinerea galleggiava nella nottata inoltrata, poche stelle filtravano l’oscurità e il silenzio avvolgeva l’aria immobile in un sospiro di vento.
            M’ incamminai verso l’acqua, sino a sfiorala coi piedi, avanzai lentamente, il freddo mi avrebbe aiutata ad abbracciare il volto imperturbabile della morte.
            Pensavo agli orizzonti mai raggiunti, al respiro del mare, alla voce di sirena che mi chiamava, che mi stava aspettando per portare via il mio sconfinato  dolore.
Il mare stava per accogliere la mia preghiera di quiete.
            I graffi dei silenzi si sarebbero placati, il mio cuore trafitto dalle lame affilate dei ricordi si sarebbe semplicemente fermato.
            Il nero della notte appariva come il colore dell’infinito, senza confini, senza limiti, una macchia d’inchiostro pronta a cancellare la vita, la sofferanza atroce della mia solitudine.
            Avanzavo dolcemente, mi sentivo stordita.
            Una luce di serenità si stava insinuando in me, come fosse venuta dal nulla, sentivo un batter d’ali di farfalla, ero sospesa tra l’acqua e l’immenso, finalmente stavo abbracciando un sonno dove spirava il mio sogno.
           
            La tempesta era passata, il mare sembrava un acquerello sotto la debole luce della luna. Una distesa illimitata di pace falciava il tormento, un tremito blu cobalto faceva intravedere l’orizzonte.

Commenti

Post popolari in questo blog

Autocostruzione di una barca a vela

L'insano pensiero di costruire una barca a vela attraversa spesso la mente di ogni velista.

Poi si fanno due conti, ci si guarda intorno specie nel mercato dell'usato, si chiede qualche consiglio e finalmente questo pensiero passa, almeno per un pò.
Giuseppe invece, sta percorrendo la strada più dura, l'autocostruzione di un cabinato di 8,50 metri.
Seguiremo la sua avventura pubblicando periodicamente le foto e il racconto dell'avanzamento lavori.
Auguri Peppe e speriamo di veder presto realizzato il tuo sogno.







Nifta Maiu: da Leuca a Kos

Alla fine l’ho fatto!

Nel luglio 2006 sono partito da Leuca con la mia barchetta e, percorrendo a ritroso la rotta che gli antichi naviganti Greci battevano per raggiungere le nostre coste, sono giunto fino all’isola di Kos, patria di Ippocrate, situata proprio di fronte alla citta turca di Bodrum, l’antica Alicarnasso.
Era da un po’ di anni che ci pensavo: rimettere insieme il collage delle mie innumerevoli incursioni greche per costruire un’esperienza organica non solo dal punto di vista della navigazione a vela, ma anche sotto il profilo culturale e spirituale.
Inizialmente avevo programmato di compiere questa avventura non appena fossi andato in pensione e in questi pannicelli caldi mi ero cullato per un paio d’anni senza concludere nulla di concreto.
Poi una mattina di febbraio di un anno fa, uscendo dalla doccia avvolto nell’accappatoio, mi sono piazzato di fronte alla grande carta nautica inglese n°1439, quella che rappresenta il mediterraneo dalla Sicilia alle Cicladi e che fa b…

LA VOCE DELLA SIRENA di Angela Maria Amico, Caltanissetta

Sotto l'albero d'olivo nodoso e storto all'angolo della casa del custode della tonnara, in una
notte di luna piena, Nicola e sua moglie trovarono un fagotto, e nel fagotto una neonata con gli
occhi aperti. Non chiudeva gli occhi, e non piangeva; guardava il custode e sua moglie con
un'espressione adulta e seria, quasi volesse studiare visi e mosse, prima di giudicare. I suoi capelli
chiari erano ricci, come acconciati col ferro caldo, ed erano anch'essi adulti, rigogliosi. La portarono
dentro casa, e la bimba accettò con serena condiscendenza il calore e gli indumenti asciutti che la
moglie del custode le offriva. Donna Marastella, a sua volta, accolse senza sorpresa né stupore quel
ritrovamento; piuttosto si sentiva al contempo sollevata e grata al cielo per quella maternità che era
arrivata di notte, dopo anni di grembo sterile e di lacrime ingoiate insieme ai rimedi casalinghi e alle
preghiere a Sant'Antonino, lui che libera il mare dai pesci cattivi e che …

RADICI di Mariagrazia Nemour, Borgiallo (TO)

Gli schizzi sono freddi. E il freddo a volte brucia.
Il mare è denso e muove la coda di continuo. Un animale sempre all’erta.
Questo, è il mare più bello in assoluto. Almeno tra quelli che ho visto io.
Quando il mare ti entra nel cuore, allaga tutto; mettiti tranquillo perché avrai i piedi bagnati per tutta
la vita. Così, diceva mio padre.
La costa di Lampedusa è bianca, occhieggia da lontano. La roccia sa dove aprire la braccia e farti
attraccare.
Non sembra poi tanto lontana la mattina in cui partii.
C’erano gli stessi schizzi freddi di mare.
Fu l’alba in cui conobbi la paura e le feci spazio sotto la giacca rattoppata con lo spago. Ancora me
la porto dentro, insieme al mare.
Lasciai mia figlia abbracciata a una bambola di stoffa. Addormentate, entrambe.
E lasciai mia moglie; piangeva lacrime secche sotto le palpebre tremanti, chiuse a forza. Non riuscii
a salutarla. Me ne andai di notte.
Solo mio padre mi accompagnò al molo. Lo sento ancora il suo abbraccio sulle spalle. Forse se …

Othonoi 28/12- 30/12

Chissà perchè, quando gli altri sono davanti al camino in pantofole a scaldarsi, a noi viene l'idea di trascorrere un paio di giorni su un' isola greca. La più vicina si, ma 48 miglia in una notte di dicembre possono comunque portarti a chiederti perchè lo fai.
Strani questi marinai per hobby, "strano modo di divertirsi" dice la giovane mamma che vede il marito imbarcarsi. Strano vedere altre due persone (coppia), che di vela, lei ne aveva solo sentito parlare, lui aveva avuto qualche non felice esperienza in deriva. Beh, per loro non è stato semplice, chiedetelo alla barca ( ELISSA IV)... era in pena per loro e li coccolava nonostante tutti gli sversamenti di materiale organico dentro e fuori. Moribondi dopo appena 10 miglia. Mare e vento non avevano tenuto conto dei due impavidi che si erano imbarcati.
Alle otto arriviamo, diamo àncora, si pensa di scendere col tender. OK, la pompa? A Leuca, via di bocca, a turni. In barca ci si adatta. La barca tira fuori la napolet…

Traversata Atlantico in auto

Erano anni ormai che raccontando di questa impresa agli amici, mi ritrovavo ad essere scrutato con sospetto.
All'epoca di questa atipica traversata vivevo in Liguria, terra dei protagonisti del viaggio, per cui potevo leggere gli articoli del Secolo XIX, inoltre ad impresa conclusa l'auto in questione è stata ormeggiata, per un pò, nel porto di Lerici ed ho potuto fotografarla. Ora ho finalmente trovato questo pezzo e mi rendo conto ancora una volta, rileggendolo, di quanto forti possono essere gli uomini spinti dalla passione.
Gabriele




"In mare avevamo paura della profondità, ma il mondo che ci eravamo creati era il nostro mondo, e dovevamo affrontare soltanto i nostri giudizi. Ora dobbiamo rimetterci a confronto, tutti i giorni, con le aspettative degli altri. E a prima vista, a parte la felicità di rivedere le nostre famiglie, il mondo di terra non è poi un granchè."

Il 4 maggio 1999 quattro navigatori salpano dalle Isole Canarie con l’obiettivo di raggiungere l’Am…

LA GRANDE ONDA di Vittorio Malingri

Cari Amici il 18 giugno uscirà in libreria il mio nuovo libro "La Grande Onda". In questo libro racconto dell'avventura del record Atlantico dello scorso anno e di tante altre avventure che, nel corso degli anni, ho avuto il privilegio di vivere in mare. Dovrebbe essere un buon libro, specialmente per chi ha la passione per la vela, l'avventura e i grandi viaggi. L'intento è quello di fare una fotografia del mio mondo, della vita di uno, che come me, ha dedicato tanto tempo e passione ad inseguire i sogni di navigazioni sempre diverse e più impegnative. Spero che vi piacerà, che permetta di farvi un idea più precisa di quello che è oggi la vela oceanica, di riscoprire i valori che spesso abbiamo perso nella nostra società ma che sono sempre uguali e presenti per chi vive immerso nella natura e alla ricerca di una dimensione di vita più umana e semplice. Io al momento sono a casa nel mio agriturismo vicino a Gubbio, da quando sono sceso dal mio piccolo catamarano in G…

Imbarco gratis ai Caraibi

Da Francesco Rizzi dai Caraibi:

Buongiorno carissimi. C'é la possibilità di navigare qualche giorno ( circa una settimana ) gratis in Brasile.
Un carissimo amico, Marco Volpe, che é bravissimo velista ed istruttore di vela da una vita, cerca qualcuno per trasferire la sua barca da Fortaleza a Salvador.
Qui sotto trascrivo la sua mail. Se qualcuno ha tempo e voglia, sarebbe una bellissima esperienza di vela e di navigazione.
Chi fosse interessato può contattare direttamente Marco all'indirizzo mpgvolpe@gmail.com oppure scrivere a me.Uncaro saluto a tutti e, ovviamente, Buon Vento.

Franco PICCININI
347 8062956
mailto:8062956fpicci@hotmail.com


Sono bloccato qui a Fortaleza da circa un mese, senza più equipaggio.
Qui il marina è bello ma il costo è un po' troppo elevato e non riesco nè a navigare nè ad andarmene nella direzione che vorrei, cioè verso Natal che è a sud-est perchè sono ben 250 miglia controvento e controcorrente senza nè ridossi nè affidabili punti di fermata intermedi…

Albania... orso al guinzaglio

Sabato 27 agosto 2011
Othoni - Saranda, 15 nodi di libeccio gonfiano lo spi, 25 miglia in poco più di quattro ore, con Giulio e Luigi.
C'ero già stato in Albania: Durazzo, Valona, Saseno, Porto Palermo. A Saranda due anni fa, con Lucia, Stefano, Vittoria e i bambini.
Quella volta, l'impressione di essere tornati indietro nel tempo ci aveva colto subito dopo aver lasciato il pontile della moderna stazione marittima, dove la barca era ormeggiata.
Un tempo però, che noi non avevamo mai vissuto, per fortuna. Racconti dei padri, forse.
Non molto è cambiato dopo due anni. Forse è cambiato quello che doveva rimanere intatto, il paesaggio.
Gli alberghi rubano la bellissima scogliera. Costruiti uno sull'altro, dieci aperti e cento in costruzione. Un enorme cantiere.
Muoversi il più possibile, conoscere persone e abitudini, capire. E' il modo migliore per vivere.
Albania da visitare, comunque.
Mi ha sconvolto però vedere, sul passeggiatissimo lungomare, più della bambina rom di …