Passa ai contenuti principali

Futuro a Sud Est


Da Lecce a “lu Capu”, tra gli italiani di un confine che è una piattaforma sul Mediterraneo.
Un luogo distante da tutto, indeciso tra energia e fatalismo, molte anime, e la tentazione della “salentitudine”

Reportage di Gian Luca Favetto; Foto di Ziyah Gafic. Tratto da D "La Repubblica delle donne", settimanale del quotidiano La Repubblica. N. 622 dell'8 novembre 2008

Santa Maria di Leuca. Roccia e onde.
Qui finisce il mondo nel suo piccolo. E ne comincia un altro.
Oltre c’è solo mare, e navi in lontananza. Fermi i piedi e inizi a nuotare.
Con lo sguardo. Un tempo era una terra di confine. Ora è una sospensione,
luogo indeciso tra passato e futuro, tra certo e incerto.
Un posizione geografica e sentimentale che attende una definizione precisa.
Nell’attesa, vive attaccata alla sua roccia e al suo mare. Se anche la definizione
non arrivasse mai, fa lo stesso. Il suo racconto è già nel nome, nelle immagini
 che evoca, nelle facce, nei suoni, nella memoria che produce:
Salento, quella parte di tacco che scivola lenta da Lecce a lu Capu,
un imbuto che conduce alla fine.
Destino, destinazione Sud-Sudest. «Qui siamo solo all’inizio della fine».
La frase, accompagnata da un sorriso che è una sottolineatura di orgoglio e disincanto,
viene da un gruppo di ragazzi pescati a passeggio per Lecce,
città barocca e indolente che è la porta d’ingresso di questa terra ultima.
Maurizio Buttazzo, fotografo e designer del riciclo,
spiega: «Può essere la fine del mondo, ma anche l’inizio.
Dipende da come ti svegli e dal vento. la tramontana soffia fredda da nord,
rende limpido il cielo e un po’ ci tranquilizza. Lo scirocco da sud è caldo,
appiccicoso, irritante, toglie il respiro, appesantisce l’aria».
Nel novembre 2007 ha inaugurato le Manifatture Knos, 4.000 metri quadrati
delle ex Opere Salesiane diventati centro per la ricerca e la formazione.
«Sono stato via venticinque anni e adesso vedo il Salento come un punto di partenza,
una piattaforma per il Mediterraneo: Il Nord è un supporto di professionalità, tecnologie,
progresso che consente di proiettarci verso sud».
L’isolamento è geografico, storico e mentale.
Agnese Manni da quattro anni guida la casa editrice di famiglia, la Manni Editori, e contro l’isolamento combatte a colpi di libri.
«Qui è come sentirsi in esilio a casa propria. La dimensione è provinciale.
Anche se vai fuori, quando torni e fai vita sociale, ti ritrovi ai tempi del liceo.
È pesante viverci, è bello passarci, rimani affascinato dai colori, dai sapori, poi torni a nord,
noi invece si resta. Restare vuol dire abituarsi a essere distanti da tutto. La differenza tra qui e Leuca? Preparati, laggiù la lontananza è al quadrato». Sono sessantacinque chilometri,
da Lecce fino al Capo: lungo la statale 16, fino a Leuca, che è un porto, un faro, un santuario,
tanti alberghi e ristoranti, belle ville, spiagge a destra e grotte a sinistra.
Ionio più tranquillo di qua e Adriatico di là, mare sfunnatu, come lo chiamano, senza fondo.
Scopri presto che questa terra aspra e stordente è fatta di molte isole, è un caleidoscopio
di identità e paesaggi, un inventario di persone originali, piene di energia venata di fatalismo.
Come Vincent Brunetti, l’uomo che vuole essere farfalla. Pittore e visionario, abita a Guagnano,
in un bizzarro palazzo-labirinto che sta tra Arlecchino e Picasso. Produce quattro quadri al giorno e li vende la domenica pomeriggio, quando si presentano centinaia di persone per assistere ai suoi show di ballo,
parola e pittura. «Il Salento è un luogo abbandonato, ed è la sua fortuna», dice con entusiasmo.
«È rimasto incontaminato, può regalare agli uomini il privilegio della fantasia».
Come spiega Sergio Blasi, sindaco di Melpignano, paese della Grecìa salentina,
colui che ha inventato la Notte della Taranta, due settimane di festa in cui la tradizione incontra la musica contemporanea.
«Un tempo il Capo di Leuca era un confine», osserva.
«Non si pensava di prendere la littorina per andare giù, soltanto i treni che portavano a Milano,
oppure a Zurigo. Ora invece il Mediterraneo diventa area di libero scambio
e possiamo pensare a nuove rotte.
Da ultimo lembo d’Italia, periferia d’Europa, ci ritroviamo al centro del mondo».
Come Claudio Giagnotti, “Cavallo”: origine rom, fondatore dei Mascarimirì,
sei cd in dieci anni, musica internazionale con anima salentina.
Abita a Muro leccese, città messapica, ma con la testa arriva a Marsiglia.
Mischia la tradizione della pizzica con la Francia del Sud, Barcellona, Clash e Massive Attack.
«Il Salento si muove più dei salentini. Inglesi, americani, italiani del Nord comprano
le case a corte e a volta, quelle che i salentini abbandonano.
Negli ultimi anni è nato lo slogan “Salentu, lu sule, lu mare, lu jentu”.
Falso, noi siamo una terra di pietre che cantano, ulivi mani spaccate e rughe in faccia.
E anche di lavoro nero e sfruttamento. Paesi, campagne, muri a secco, uliveti,
pietre rocce, campi desolati, orizzonti monotoni che all’improvviso s’impennano
in una stranezza struggente; a poco a poco sembra che non sia tu viaggiare in questa terra,
ma è questa terra spaccata dal sole e dalla solitudine, come ha riassunto Salvatore Quasimodo,
a viaggiare in te.
«Il Salento è un paese dalle molte anime dove i turisti possono ancora essere viaggiatori.
È la disorganizzazione territoriale che impone la lentezza», spiega Eileen Coppola,
padre salentino e madre irlandese, che fa viaggiare gli stranieri in Puglia.
«Da Otranto in giù, soprattutto, è una terra che va ascoltata.
Le sensazioni non derivano solo dal visibile, il maggior fascino è segreto,
non viene da ciò che è più evidente».
«Giù trovi proprio la fine, una terra più vecchia di questa»,
è l’avvertimento di Yuri Battaglino, architetto e urbanista.
Mancano trenta chilometri a Leuca, ma nelle parole dei ragazzi del Laboratorio Urbano Aperto
di San Cassiano, che raccontano di cura del paesaggio e condivisione del territorio, sembrano tre secoli. Dopo gli studi a Firenze e a Milano, sono tornati per lavorare “a casa”.
«È comunque difficile», confessa Gaetano Fornarelli, il barese del gruppo.
«Qui c’è un punto di vista “salentinocentrico”. oltre Lecce non si guarda,
Brindisi è già fuori orizzonte, più lontana di Copenaghen».
Quella che per Yuri è la fine, per Alessandra Lupo è il principio:
«Vai giù, vacci: Corsano, Gagliano, Presicce, Castrignano, quelli sono l’origine.
Duri, arcaici? Per forza, sono l’origine». Sono il tempo al suo inizio.
Hanno qualcosa dell’eternità: un punto di noia, uno di meraviglia e uno di spavento.
Per i forestieri sono mete da raggiungere, per loro sono un punto di forza, il luogo da cui cominciare il viaggio.«Mai sentito un salentino pronunciare la parola Puglia. Ci teniamo alle differenze»,
sorride Edoardo Winspeare, il regista che con Sangue Vivo, Il miracolo e Galantuomini,
ultimo suo film in uscita, ha raccontato la frastagliata identità di questa terra.
Di origini napoletane, vive tra Depressa e Corsano, già una porzione del Capo.
«Chi va fuori e poi rientra è convinto di tornare in un posto magnifico.
C’è una forte identità mediterranea. Poi ci sono le donne più belle del mondo, le più fiere.
Da questo finisterrae, dove si ascoltano radio greche e albanesi, dove si è sempre con un piede fuori Italia, iniziano rotte immaginarie. Inizia un mondo di avventura, in cui puoi incontrare Lord Jim e Corto Maltese.
Gli uomini hanno facce che sembrano silenzi e nature selvagge, occhi che bruciano e sorrisi aperti;
le donne hanno camminate suadenti, quasi fragorose, sguardi penetranti e parole svelte.
Sono l’incarnazione del paesaggio. Dimostrano orgoglio e amore per questa terra: è come ci stanno, come la abitano, come la vivono, al di là delle parole. La passione fa di loro la radice.
«Se te ne vai perché vuoi vivere altrove, bene. Ma se vai via perché qui non c’è lavoro, allora no, devi creartelo, il lavoro», si ribella Monica Comi, laurea in geologia a Bologna, tornata per aprire uno studio ad Acquarica del Capo.
«Terra di pozzi artesiani, grotte, acque sotterranee», ricorda.
Perfetta metafora che suggerisce l’anima nascosta dell’ultimo arrocco di Salento prima del mare.Il mare, finalmente.
«Ci hanno sempre raccontato come civiltà del tabacco e delle olive, ma tutto qui porta al mare, richiama la centralità marina», sostiene Antonio Errico, art director fuggito da Milano e rientrato a Tricase, dove nel 2003 ha fondato con amici l’associazione Magna Grecia Mare e la Scuola di vela latina e antica marineria.
«Se attraversi il Salento via terra, impieghi un’ora; a circumnavigarlo, un mese. L’acqua non è un confine, mette in comune. Pensa il Mediterraneo come un porto: l’Italia è il molto al centro, il Salento è il pontile attaccato al molo e lu Capu è la testa del pontile».
Della testa del pontile, Santa Maria di Leuca, mille abitanti e il porto come piazza, è l’ultimo metro quadrato. Più che una fine, un avamposto. Buzzatiano, in autunno inoltrato.
«Per la gente di terra, forse Leuca è un capolinea, ma se vai per mare è un posto di passaggio», dicono gli istruttori di vela di Smarè, Gabriele Scorrano, Gabriele Pellegrino e Federico Pirelli.
«Qui finisce la navigazione costiera e inizia il salto verso Grecia e Balcani, o verso ovest». Ottanta miglia per Crotone, ottanta per Corfù. E verso sud?
Ti guardano con una tranquillità che appartiene a un altro mondo: «verso sud c’è l’infinito».

Commenti

  1. www.leucaworks.com
    Quante parole romantiche e poetiche...tutta questa gente nasconde il dramma di questi luoghi,l'assenza di tutela del bene pubblico, i disastri ambientali rappresentati dallo stesso porrto completamente sbagliato rispetto alle aspettative e al territorio, lo scandalo del deuratore fognario e di un sistema fognario da anteguerra con scarichi in mare e in falda e rigurgiti daitombini in piena stagione...potrei andare avanti per 10 pagine e dare concretezza e non immagini ipocrite e poetiche del territorio come provocazione per migliorarlo per migliorarsi...tutti.
    Ricordiamo che mentre il papa era a Leuca nel 2008 ad Ugento sede del Vescovo veniva accoltellato numerose volte un consigliere comunale Peppino Basile.
    Walter Petese
    www.leucaworks.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Autocostruzione di una barca a vela

L'insano pensiero di costruire una barca a vela attraversa spesso la mente di ogni velista.

Poi si fanno due conti, ci si guarda intorno specie nel mercato dell'usato, si chiede qualche consiglio e finalmente questo pensiero passa, almeno per un pò.
Giuseppe invece, sta percorrendo la strada più dura, l'autocostruzione di un cabinato di 8,50 metri.
Seguiremo la sua avventura pubblicando periodicamente le foto e il racconto dell'avanzamento lavori.
Auguri Peppe e speriamo di veder presto realizzato il tuo sogno.







Nifta Maiu: da Leuca a Kos

Alla fine l’ho fatto!

Nel luglio 2006 sono partito da Leuca con la mia barchetta e, percorrendo a ritroso la rotta che gli antichi naviganti Greci battevano per raggiungere le nostre coste, sono giunto fino all’isola di Kos, patria di Ippocrate, situata proprio di fronte alla citta turca di Bodrum, l’antica Alicarnasso.
Era da un po’ di anni che ci pensavo: rimettere insieme il collage delle mie innumerevoli incursioni greche per costruire un’esperienza organica non solo dal punto di vista della navigazione a vela, ma anche sotto il profilo culturale e spirituale.
Inizialmente avevo programmato di compiere questa avventura non appena fossi andato in pensione e in questi pannicelli caldi mi ero cullato per un paio d’anni senza concludere nulla di concreto.
Poi una mattina di febbraio di un anno fa, uscendo dalla doccia avvolto nell’accappatoio, mi sono piazzato di fronte alla grande carta nautica inglese n°1439, quella che rappresenta il mediterraneo dalla Sicilia alle Cicladi e che fa b…

LA VOCE DELLA SIRENA di Angela Maria Amico, Caltanissetta

Sotto l'albero d'olivo nodoso e storto all'angolo della casa del custode della tonnara, in una
notte di luna piena, Nicola e sua moglie trovarono un fagotto, e nel fagotto una neonata con gli
occhi aperti. Non chiudeva gli occhi, e non piangeva; guardava il custode e sua moglie con
un'espressione adulta e seria, quasi volesse studiare visi e mosse, prima di giudicare. I suoi capelli
chiari erano ricci, come acconciati col ferro caldo, ed erano anch'essi adulti, rigogliosi. La portarono
dentro casa, e la bimba accettò con serena condiscendenza il calore e gli indumenti asciutti che la
moglie del custode le offriva. Donna Marastella, a sua volta, accolse senza sorpresa né stupore quel
ritrovamento; piuttosto si sentiva al contempo sollevata e grata al cielo per quella maternità che era
arrivata di notte, dopo anni di grembo sterile e di lacrime ingoiate insieme ai rimedi casalinghi e alle
preghiere a Sant'Antonino, lui che libera il mare dai pesci cattivi e che …

Othonoi 28/12- 30/12

Chissà perchè, quando gli altri sono davanti al camino in pantofole a scaldarsi, a noi viene l'idea di trascorrere un paio di giorni su un' isola greca. La più vicina si, ma 48 miglia in una notte di dicembre possono comunque portarti a chiederti perchè lo fai.
Strani questi marinai per hobby, "strano modo di divertirsi" dice la giovane mamma che vede il marito imbarcarsi. Strano vedere altre due persone (coppia), che di vela, lei ne aveva solo sentito parlare, lui aveva avuto qualche non felice esperienza in deriva. Beh, per loro non è stato semplice, chiedetelo alla barca ( ELISSA IV)... era in pena per loro e li coccolava nonostante tutti gli sversamenti di materiale organico dentro e fuori. Moribondi dopo appena 10 miglia. Mare e vento non avevano tenuto conto dei due impavidi che si erano imbarcati.
Alle otto arriviamo, diamo àncora, si pensa di scendere col tender. OK, la pompa? A Leuca, via di bocca, a turni. In barca ci si adatta. La barca tira fuori la napolet…

RADICI di Mariagrazia Nemour, Borgiallo (TO)

Gli schizzi sono freddi. E il freddo a volte brucia.
Il mare è denso e muove la coda di continuo. Un animale sempre all’erta.
Questo, è il mare più bello in assoluto. Almeno tra quelli che ho visto io.
Quando il mare ti entra nel cuore, allaga tutto; mettiti tranquillo perché avrai i piedi bagnati per tutta
la vita. Così, diceva mio padre.
La costa di Lampedusa è bianca, occhieggia da lontano. La roccia sa dove aprire la braccia e farti
attraccare.
Non sembra poi tanto lontana la mattina in cui partii.
C’erano gli stessi schizzi freddi di mare.
Fu l’alba in cui conobbi la paura e le feci spazio sotto la giacca rattoppata con lo spago. Ancora me
la porto dentro, insieme al mare.
Lasciai mia figlia abbracciata a una bambola di stoffa. Addormentate, entrambe.
E lasciai mia moglie; piangeva lacrime secche sotto le palpebre tremanti, chiuse a forza. Non riuscii
a salutarla. Me ne andai di notte.
Solo mio padre mi accompagnò al molo. Lo sento ancora il suo abbraccio sulle spalle. Forse se …

Traversata Atlantico in auto

Erano anni ormai che raccontando di questa impresa agli amici, mi ritrovavo ad essere scrutato con sospetto.
All'epoca di questa atipica traversata vivevo in Liguria, terra dei protagonisti del viaggio, per cui potevo leggere gli articoli del Secolo XIX, inoltre ad impresa conclusa l'auto in questione è stata ormeggiata, per un pò, nel porto di Lerici ed ho potuto fotografarla. Ora ho finalmente trovato questo pezzo e mi rendo conto ancora una volta, rileggendolo, di quanto forti possono essere gli uomini spinti dalla passione.
Gabriele




"In mare avevamo paura della profondità, ma il mondo che ci eravamo creati era il nostro mondo, e dovevamo affrontare soltanto i nostri giudizi. Ora dobbiamo rimetterci a confronto, tutti i giorni, con le aspettative degli altri. E a prima vista, a parte la felicità di rivedere le nostre famiglie, il mondo di terra non è poi un granchè."

Il 4 maggio 1999 quattro navigatori salpano dalle Isole Canarie con l’obiettivo di raggiungere l’Am…

LA GRANDE ONDA di Vittorio Malingri

Cari Amici il 18 giugno uscirà in libreria il mio nuovo libro "La Grande Onda". In questo libro racconto dell'avventura del record Atlantico dello scorso anno e di tante altre avventure che, nel corso degli anni, ho avuto il privilegio di vivere in mare. Dovrebbe essere un buon libro, specialmente per chi ha la passione per la vela, l'avventura e i grandi viaggi. L'intento è quello di fare una fotografia del mio mondo, della vita di uno, che come me, ha dedicato tanto tempo e passione ad inseguire i sogni di navigazioni sempre diverse e più impegnative. Spero che vi piacerà, che permetta di farvi un idea più precisa di quello che è oggi la vela oceanica, di riscoprire i valori che spesso abbiamo perso nella nostra società ma che sono sempre uguali e presenti per chi vive immerso nella natura e alla ricerca di una dimensione di vita più umana e semplice. Io al momento sono a casa nel mio agriturismo vicino a Gubbio, da quando sono sceso dal mio piccolo catamarano in G…

Imbarco gratis ai Caraibi

Da Francesco Rizzi dai Caraibi:

Buongiorno carissimi. C'é la possibilità di navigare qualche giorno ( circa una settimana ) gratis in Brasile.
Un carissimo amico, Marco Volpe, che é bravissimo velista ed istruttore di vela da una vita, cerca qualcuno per trasferire la sua barca da Fortaleza a Salvador.
Qui sotto trascrivo la sua mail. Se qualcuno ha tempo e voglia, sarebbe una bellissima esperienza di vela e di navigazione.
Chi fosse interessato può contattare direttamente Marco all'indirizzo mpgvolpe@gmail.com oppure scrivere a me.Uncaro saluto a tutti e, ovviamente, Buon Vento.

Franco PICCININI
347 8062956
mailto:8062956fpicci@hotmail.com


Sono bloccato qui a Fortaleza da circa un mese, senza più equipaggio.
Qui il marina è bello ma il costo è un po' troppo elevato e non riesco nè a navigare nè ad andarmene nella direzione che vorrei, cioè verso Natal che è a sud-est perchè sono ben 250 miglia controvento e controcorrente senza nè ridossi nè affidabili punti di fermata intermedi…

Albania... orso al guinzaglio

Sabato 27 agosto 2011
Othoni - Saranda, 15 nodi di libeccio gonfiano lo spi, 25 miglia in poco più di quattro ore, con Giulio e Luigi.
C'ero già stato in Albania: Durazzo, Valona, Saseno, Porto Palermo. A Saranda due anni fa, con Lucia, Stefano, Vittoria e i bambini.
Quella volta, l'impressione di essere tornati indietro nel tempo ci aveva colto subito dopo aver lasciato il pontile della moderna stazione marittima, dove la barca era ormeggiata.
Un tempo però, che noi non avevamo mai vissuto, per fortuna. Racconti dei padri, forse.
Non molto è cambiato dopo due anni. Forse è cambiato quello che doveva rimanere intatto, il paesaggio.
Gli alberghi rubano la bellissima scogliera. Costruiti uno sull'altro, dieci aperti e cento in costruzione. Un enorme cantiere.
Muoversi il più possibile, conoscere persone e abitudini, capire. E' il modo migliore per vivere.
Albania da visitare, comunque.
Mi ha sconvolto però vedere, sul passeggiatissimo lungomare, più della bambina rom di …